Fondazione Time2 > Bando Prossimi > Attraversare lo specchio

Attraversare lo specchio

L’area del nostro intervento è il Pinerolese. Un territorio che, come molte aree “marginali” del Paese, cerca di uscire dalle secche della contrapposizione idealizzata tra centro e periferia. “Attraversare lo specchio” è un lavoro di comunicazione che utilizza gli strumenti cinematografici abbinati alla comunicazione web. Tra marzo e aprile 2020 il documentarista Andrea Fenoglio ha prodotto una serie di brevi web-doc che hanno raccontato alcuni cambiamenti positivi venuti alla luce nel periodo del lockdown. Nei mesi di agosto e settembre 2020 il progetto è sceso in piazza. L’associazione Cinedehors ha curato le proiezioni dei doc-web in spazi all’aperto unendoli a film popolari che riuscissero a comunicare e ampliare gli stessi temi: sostenibilità, welfare generativo, resilienza, cooperazione, economia circolare e relazionale. Nei prossimi mesi, con ulteriori produzioni audiovisive, “Attraversare lo specchio” divulgherà le proposte dei tavoli di lavoro istituiti dal “Consorzio Pinerolese Energia” all’interno del progetto “Ripartiamo insieme”. L’obiettivo è quello di rafforzare le connessioni tra le proposte e la cittadinanza, mettendo a disposizione uno strumento di interazione che faciliti la crescita qualitativa delle conoscenze sui temi del cambiamento.

Invertire lo sguardo muovendo dai margini, dalle periferie. Partendo dalla considerazione che l’Italia del margine non è una parte residuale; che si tratta anzi del terreno decisivo per vincere le sfide dei prossimi decenni.

Antonio De Rossi

Ente capofila Associazione Culturale Cinedehors
Territorio
Pinerolese
Ambito di intervento
Cultura, cittadinanza attiva e comunità
Principale tematica
Narrazione e produzione audiovisiva
Condividi su

Attraversare lo specchio

L’illustrazione del progetto ritrae Alice nel momento in cui attraversa lo specchio e cambia se stessa. “Attraversare lo specchio” è una “narrazione al femminile”: pensiamo che per parlare di cambiamento sia divenuto centrale questo tipo di sguardo. Il filosofo Emanuele Coccia scrive: “Tutti dimenticano di essere nati. Viviamo in una cultura prodotta e dominata da chi, per definizione, non ha mai avuto l’esperienza di far nascere qualcun altro: il maschio. Questo perché siamo ossessionati dalla morte e dall’invecchiamento”. Uno degli episodi più significativi della serie di doc-web riprende proprio questo argomento tramite la testimonianza del vescovo di Pinerolo in bilico tra vita e morte a causa del Covid 19. Don Derio Olivero dice: “Di fronte alla morte o hai una buona causa per cui affrontarla, o non hai mai avuto una buona causa per cui vivere. Ho capito che vivo per mantenere la fiducia nella vita e per costruire relazioni. Imparare a guardare con occhi nuovi la vita significa affrontare il tabù della morte, poiché il limite è anche il luogo dove nasce il desiderio”. Il luogo dove il possibile può diventare realtà, aggiungiamo noi.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi