Condividi su

Progetti per una didattica alternativa e inclusiva

I progetti vincitori del Bando Prossimi di cui vi parliamo questa settimana riguardano il tema della formazione. In particolare, entrambi propongono una didattica alternativa ed inclusiva, legata alla natura e allo sport.

 

Education Training (E.T.) – Formiamoci in Montagna 

 

Il progetto nasce dalla volontà di creare una scuola accessibile a tutte e tutti, legata alla tutela dell’ambiente in cui è immersa e da cui trae spunto. In particolare, si tratta di un percorso formativo rivolto ad insegnanti delle Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado, che scelgono di condividere insieme alle proprie classi un’esperienza didattica a stretto contatto con la natura e il territorio. In altre parole, E. T. propone una nuova idea di scuola, che può essere vissuta all’aria aperta, alla scoperta delle valli piemontesi. 

 

Experiential Learning

E. T. è un processo formativo che si realizza attraverso l’esperienza. Attraverso questo approccio si permette ai e alle partecipanti di riflettere su di sé e sul gruppo, di acquisire consapevolezza dei propri limiti e risorse e di sviluppare capacità di ascolto attivo. 

In questo modo le persone iscritte alla formazione imparano a tessere e cogliere le relazioni tra la città e l’ambiente montano piemontese. Si parte dall’attività sportiva per arrivare ad un’esperienza formativa in natura a 360 gradi.

Il progetto, vincitore del Bando Prossimi, è guidato da Uisp – Comitato Regionale Piemonte.

Route: la multi-territorialità nella condivisione delle best practices inclusive

 

La diffusione di una cultura sportiva finalizzata all’inclusione e al coinvolgimento di persone con disabilità sono al cuore di Route, il progetto vincitore del Bando Prossimi e realizzato da A.S.A.D. Biella. Nei territori di Bairo, Lanzo Torinese, Almese, Oulx e Pinerolo sono partite con questo obiettivo le formazioni dei progetti Y.A.P. e I.E.S. rivolte ad operatrici ed operatori del territorio che avessero capacità e interesse a realizzare progetti scolastici di inclusione attraverso l’attività sportivaCome risultato, gli incontri si sono conclusi durante la prima settimana di aprile e sono stati un vero successo, come i progetti che ne sono seguiti. Le scuole primarie e dell’infanzia coinvolte hanno infatti riscontrato i grandi benefici per le bambine e i bambini che vi hanno partecipato. 

Sull’onda di questo riscontro positivo, nelle prossime settimane si avvieranno nuovi progetti nelle scuole e nuove formazioni.

Vi terremo aggiornati/e!

 

“I bambini hanno imparato ad ascoltarsi durante le attività in cerchio, rispondendo a turno alle domande che riflettevano l’obiettivo conseguito nelle diverse lezioni. Hanno appreso il significato della parola collaborazione, insieme hanno saputo superare ostacoli e partecipare a tutto quello che veniva proposto senza provare il bisogno di vincere”.

Le maestre Monica Angeleri e Agnese Trovati, scuola di La Cassa (Valli di Lanzo). 

Data di pubblicazione 22 Aprile 2021
Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere aggiornamenti

Questo sito utilizza cookie per migliorare la navigazione. Scopri di più su come usiamo i cookie: maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi